Champagne e spumante, non tutte le bollicine sono uguali

Ancora oggi molti non conoscono effettivamente la differenza tra champagne e spumante. Eppure, quando si parla di bollicine non si può generalizzare, e non è vero che si tratta della stessa cosa e che uno vale l’altro. Un errore grossolano che, se viene portato in tavola, non ci farà fare una bella figura. Vediamo allora di capire quali sono le differenze essenziali e come fare a riconoscere un prodotto di qualità.

Champagne e spumante, non tutte le bollicine sono uguali

Che si tratti di prodotti vinicoli non v’è dubbio, ma champagne e spumante non sono la stessa cosa. Chi li considera sinonimi, quindi sta commettendo un errore, ma anche chi pensa che sia una mera differenza di territorio di produzione sbaglia perché tra questi due prodotti ci sono delle grandi differenze, non solo dal punto di vista delle caratteristiche, ma anche da quello legislativo.

Quindi, in Francia troviamo lo champagne, definito Crémant, e che viene prodotto in diverse regioni famose del Paese, come per esempio la Borgogna e la Provenza; in Italia viene prodotto lo spumante, così come altri ottimi vini.

Lo Champagne

Lo Champagne viene prodotto in Francia e deve il suo nome al territorio in cui viene prodotto, e che include diversi paesini quali Marne, Aube, Ain, a 150 km da Parigi. Ma di cosa si tratta? Si tratta di un vino effervescente che viene ottenuto mediante il metodo classico che prende il nome di “champenoise”. Per produrre lo champagne vengono utilizzate uve di Pinot Noir, Pinot Meunier e lo Chardonnay, che sono vinificate in bianco.

Champagne11La peculiarità è che la vendemmia è interamente manuale per non deteriorare le uve. La conservazione delle bottiglie, invece, viene effettuata in cantine buie e fredde in modo da permettere all’anidride carbonica di formarsi. Dopo un determinato periodo di maturazione si aggiunge uno sciroppo di lieviti naturali al vino, Sali nutritivi e zucchero di canna o barbabietola. La bottiglia viene tappata con un tappo in sughero. Eccellente come prodotto è l’Eric Collinet.

Lo spumante

Ci sono diverse regioni in Italia famose per la produzione di spumante. Per la sua produzione si utilizza sia il metodo classico che lo champenoise e il Martinotti, che si differenzia dagli altri perché la seconda fermentazione non avviene in bottiglia ma in autoclave. Questo metodo è ottimale con uve come Moscato e Malvasia.

Vi sono poi spumanti naturali e spumanti gassificati, che hanno una qualità inferiore rispetto ai primi in quanto l’anidride carbonica non si forma in modo naturale ma viene aggiunta con basse temperature.

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *